COS'È LA CONCILIAZIONE

Visualizza immagine di origine 

Nel caso in cui non hai ricevuto risposta al tuo reclamo entro 50 giorni o sei rimasto insoddisfatto della gestione dello stesso, puoi utilizzare lo strumento della conciliazione, che consente di trovare una soluzione condivisa alle problematiche segnalate. Si deroga a tale procedura solo in caso di fornitura sospesa o in caso di reclamo avente ad oggetto il bonus sociale idrico.

Le procedure di conciliazione prevedono un confronto tra utente finale e gestore, o tra loro rappresentanti, al fine di trovare una soluzione soddisfacente per entrambi. L’accordo raggiunto a conclusione di una procedura conciliativa, una volta formalizzato, ha valore legale e vincola entrambe le parti al suo rispetto.

Con la Delibera 209/2016/E/com (Testo Integrato Conciliazione - TICO), e successive modifiche e integrazioni, l’Autorità di Regolazione per Energia, Reti e Ambiente ha adottato il Testo Integrato in materia di procedure di risoluzione extragiudiziale delle controversie tra utenti finali e gestori.

 

QUANDO PUO' ESSERE ATTIVATA

Visualizza immagine di origine 

La Conciliazione può essere attivata gratuitamente, deve avere ad oggetto la stessa controversia del reclamo per il quale non si è avuta risposta o la stessa è stata ritenuta insoddisfacente e deve necessariamente concludersi entro un tempo prestabilito.                                                                                  Clicca qui per conoscere le materie di competenza dello sportello

 

COME ATTIVARLA

Visualizza immagine di origine 

Per attivare il Servizio di Conciliazione è necessario accedere al sito www.sportelloperilconsumatore.it e registrarsi sulla piattaforma telematica di gestione delle pratiche. La Conciliazione può essere attivata direttamente dall’utente o mediante un soggetto da esso delegato (associazioni dei consumatori).